Blog

I buoni della mamma

La Festa della mamma si celebra in moltissimi paesi del mondo, con date e modalità diverse, ma con la voglia universale di ringraziare le mamme per tutto quello che ci hanno donato, incondizionatamente.
In Italia si festeggia la seconda domenica di maggio.

La Festa della mamma ha origini molto antiche, dato che il legame tra la donna e la maternità si celebra da sempre. In particolare greci e romani veneravano diverse divinità simbolo di questo rapporto, da Titana Rhea a Cibele, il cui culto è confluito – con l’avvento nel Cristianesimo – nell’adorazione della Madonna.
A Maria è proprio dedicato tutto il mese di maggio che nei secoli è stato inevitabilmente associato in molte culture a fecondità, prolificità, femminilità e maternità.

In Italia la Festa della mamma fu istituita nel 1956 da Raul Zaccari, sindaco di Bordighera. Nel 1957, invece, don Otello Migliosi, un sacerdote del borgo di Tordibetto ad Assisi, attribuì alla festa anche una valenza religiosa. Successivamente la festa è entrata a far parte del nostro calendario.
Oggi, nel borgo di Tordibetto ad Assisi, la ricorrenza viene ancora celebrata con particolare fervore.

Ed ecco ora un’idea originale da regalare alla mamma in occasione della festa:” I buoni per la mamma“.

Preparate dei bigliettini di carta o di cartone sui quali scriverete cosa vi impegnate a fare di piacevole per e con la vostra mamma. Saranno dei veri e propri buoni che la mamma potrà spendere a proprio piacimento, attraverso i quali regalerete in modo originale il vostro aiuto e il vostro affetto. Ad esempio potrete scrivere: “buono riordino #cameretta“, “buono apparecchio e sparecchio tavolo”, “buono per un massaggio”, “buono per 100 baci” e così via.

Quando la mamma vorrà utilizzare un buono, toccherà a voi riordinare la #cameretta, preparare la tavola, farle un massaggio, leggere un libro insieme e riempirla di baci.

Il lungo ponte di primavera